Storia ragionata delle lenti a contatto: il libro solo digitale che si legge d'un fiato

Scritto da: -

Dall'autore di Acquaragia, finalista al Premio Chiara nel 2010, un racconto di un viaggio stralunato nel regno dell'oftalmologia e oltre, in cui l'umorismo esplode in ogni pagina. E' Storia ragionata delle lenti a contatto. Solo in ebook

storia-ragiomnata-lenti-a-contatto.JPG Non chiedere mai chi ha inventato le lenti a contatto. Tanto è inutile. Lo ha imparato suo malgrado lo sventurato protagonista del nuovo racconto di Stefano Domenichini Storia ragionata delle lenti a contatto, pubblicato dall’editore Perdisa pop. Lui, infatti, è l’uomo che perde una lente a contatto nel lavandino e che dà così avvio alla narrazione.

Perché perdere una lente a contatto, si sa, è sempre una questione di emergenza che richiede decisioni tempestive. Fosse caduta sul pavimento era un altro discorso: urlavi “fermi tutti!” e reclutavi familiari o vicini di casa, ma più probabilmente entrambi, per cercarla. Ma così, che fai? Chiami l’idraulico per farti smontare il lavandino? No, no, meglio di no. Metti che poi la trova: e chi ha più il coraggio di metterla. Dovresti chiamare anche la disinfestazione per farla pulire. Meglio darla per persa e via. Così il nostro protagonista guarda l’orologio e decide di andare subito dall’ottico. Inizia cosi un viaggio stralunato nel regno dell’oftalmologia e oltre, ricco di spassose digressioni sulla vita quotidiana, gli affetti, la realtà che ci circonda.

Dall’autore di Acquaragia - il suo libro d’esordio che ha sfiorato il prestigioso Premio Chiara nel 2010 - un racconto in cui l’umorismo esplode in ogni pagina, sostenuto da una scrittura brillante, imprevedibile e sempre acuta. Una prova? Nell’incipit, dopo la conclusione a cui giunge alla fine del “viaggio” che apre questo post c’è la spiegazione del perché è inutile chiedere chi ha inventato le lenti a contatto. Eccola

O c’è un brevetto ancora monetizzabile, o ti risponderanno sempre cosi: Leonardo. Nel caso in cui ci sia un brevetto ancora monetizzabile, allora la risposta sarà: si, è vero, ma ci aveva già pensato Leonardo. Genio. Ci mancherebbe. Un tipo scattante, infervorato, in continua trance inventiva. Considerando anche che ci si è messo da vecchio. Non si è mai visto un Leonardo giovane all’opera: ha sempre la barba bianca, e pure i capelli, radi per di più. E ha messo su bottega, nel frattempo, un po’ gli ci sarà voluto.

Stefano Domenichini è nato a Reggio Emilia il 19 agosto 1964. È avvocato, mestiere che lo ha portato a lavorare e abitare a Milano, Roma e Bologna. Nel 2004 è tornato a Reggio Emilia, dove vive ancora adesso. Suoi racconti sono apparsi nelle antologie Amore e altre passioni (Zona, 2005) e Lama e Trama 3 (Zona, 2006). Nel 2010 ha pubblicato la raccolta di racconti Acquaragia (Perdisa Pop), finalista al Premio Chiara 2010.

E adesso questo nuovo piccolo capolavoro che sarà presentato mercoledì 4 luglio a Bologna, per la rassegna “Giardini letterari” (ore 18.30, Estate CostArena, Via Azzogardino 48). Oltre all’Autore sarà presente anche Antonio Paolacci, direttore editoriale Perdisa Pop presentazione del nuovo libro della collana ePop, inediti esclusivamente in formato ebook.

 
Storia ragionata delle lenti a contatto, disponibile dal 3 luglio al prezzo di prezzo euro 2,99, è il secondo titolo della collana ePop, che propone libri Perdisa Pop pubblicati esclusivamente in versione digitale. Con le copertine di Ivana Stoyanova, significativamente ispirate al test di Rorschach, la collana offre una selezione di testi economici, facili da acquistare, e soprattutto brevi, 50.000 battute, pari a 30-40 pagine di libro per un tempo di lettura di mezz’ora-quaranta minuti al massimo. Scoppiettante e pop, appunto, per dare ai lettori la possibilità di conoscere e apprezzare scritture originali e di qualità.
 
Puoi leggere gli ebook da tablet, smartphone e e-reader, ma puoi leggerli anche sul computer. Basta scaricare il programma Digital Edition di Adobe, che è leggerissimo e gratuito. E si trova qui: http://www.adobe.com/products/digitaleditions/
 
Accetta la sfida e scopri una nuova opportunità per le tue letture con be-pop.

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 1 voti.