Settimana della Cultura: a Roma si va "Dentro l'arte con la scienza"

Scritto da: -

A Roma nell'ambito della Settimana della cultura 2012 si inaugura "Dentro l'arte con la scienza", l'evento in collaboarazione col CNR che unisce ricerca e saperi storico artistici. Analisi scientifiche dal vivo di tre capolavori. Ecco i dettagli.

Palazzo-barberini-Roma.jpg Guardare un dipinto con un occhio ‘tecnologico’? A Roma si può grazie a Dentro l’arte con la scienza“, l’evento che unisce ricerca e saperi storico artistici organizzato dall’Ufficio stampa del Consiglio nazionale delle ricerche e dal Polo Museale della Città di Roma per la Settimana della Cultura. Ecco cosa accadrà a Palazzo Barberini il 16 e il 17 aprile.

Dentro l’arte con la scienza” sarà aperta infatti, presso la Galleria nazionale d’arte antica di Palazzo Barberini lunedì 16 aprile alle ore 10.00 da Rossella Vodret, direttore della Soprintendenza e da Sesto Viticoli, responsabile del progetto bandiera ‘Ricerca e innovazione tecnologica nei processi di conoscenza, tutela, valorizzazione e sicurezza dei beni culturali‘, il quale porterà i saluti del presidente del Cnr Luigi Nicolais.

ANALISI SCIENTIFICHE DAL VIVO. Durante le giornate di lunedì 16 e martedì 17 aprile (dalle ore 9.30) i gruppi di studenti delle scuole superiori che visiteranno la Galleria avranno la possibilità di seguire dal vivo le analisi scientifiche del Molab, un laboratorio mobile dotato di strumentazioni d’avanguardia per le indagini non invasive sulle opere d’arte, su tre capolavori custoditi nella Galleria che sollevano problemi attributivi: il ‘Narciso‘ di Caravaggio, il ‘San Francesco‘ di Carlo Saraceni e l’anonimo ‘Ritratto di Isabella de’ Medici’.
Il Molab permette di ottenere informazioni su materiali costitutivi e contaminanti, tecniche di esecuzione, fasi di alterazione e stato di conservazione dell’opera“, spiega Antonio Sgamellotti dell’Istituto di Scienze e Tecnologie Molecolari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Istm-Cnr). “Il laboratorio è dotato di quindici apparecchiature - continua - dalla fluorescenza UV alla riflettografia IR, fino alle spettroscopie, appartenenti al Centro SMAArt di Perugia e all’Istituto nazionale di ottica del Cnr“.
Grazie a queste strumentazioni potranno essere acquisiti elementi utili a una conoscenza più approfondita dei capolavori della Galleria Nazionale d’Arte Antica. Sul ‘Narciso‘ la critica si è a lungo divisa, anche se dopo il restauro del 1995 la maggioranza si è orientata a favore dell’attribuzione a Caravaggio. Il ritratto di Isabella de’ Medici proviene dalla collezione Torlonia, come il ‘San Francesco‘ del veneziano Saraceni.

UN POGETTO AMBIZIOSO. Il Molab, coordinato da Costanza Miliani dell’Istm-Cnr, viaggia in tutt’Europa per eseguire analisi in situ, evitando i danni e i costi che potrebbero derivare dagli spostamenti delle opere: questo ‘pronto intervento’ è infatti un’infrastruttura di ‘Charisma‘, progetto europeo che fornisce un accesso transnazionale alle strumentazioni scientifiche per i beni culturali.

Dentro l’arte con la scienza” non vuole però essere una semplice vetrina per l’attività del Molab fine a se stessa. Il progetto ha, infatti, un duplice obiettivo: avvicinare i giovani alla scienza attraverso uno sguardo ‘tecnologico’ sul patrimonio artistico e sensibilizzarli alla salvaguardia dei beni culturali, mettendo in risalto curiosità e dettagli che solo quest’analisi può svelare, anche per far conoscere queste discipline di frontiera quali possibili percorsi formativi e professionali. Insomma, far amare alle generazioni future il patrimonio artistico e culturale che abbiamo quel tanto che basta per fargli desiderare e di rispettarlo in quanto cittadini e di provare a salvarlo o recuperarlo mettendo in campo tutto il sapere artistico e scientifico di cui disponiamo facendone una vera e propria professione per il futuro.

DA CARAVAGGIO ALLA STREET ART. Per realizzare un progetto così ambizioso ci vuole anche un po’ di teoria oltre alla pratica. Purché sia appassionante. E così nelle due giornate, nella Sala dei Marmi di Palazzo Barberini, sono previsti anche due incontri-dibattito: il 16 aprile (ore 12.00) con Angelo Longoni, regista della serie tv ‘Caravaggio‘, intervistato da Marco Ferrazzoli, capo ufficio stampa del Cnr; il secondo ‘Graffiti: arte o scarabocchi?‘ (17 aprile, ore 11.30) sul tema dei graffiti e della street art, con Simone Pallotta dell’Associazione ‘Walls’ e Alessandra Broggi dell’Università ‘La Sapienza, moderato da Sandra Fiore dell’Ufficio Stampa del Cnr, che ha ideato e curato il progetto “Dentro l’arte con la scienza“, realizzandolo in collaborazione con il Servizio Educativo della Soprintendenza.

Fonte: Adnkronos

LINK UTILI:
L’arte di svelare i misteri dell’arte

Un autoritratto di Caravaggio nascosto nella brocca del “Bacco”

Un nuovo Caravaggio? Lo diranno le indagini

Vota l'articolo:
3.75 su 5.00 basato su 4 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Arteesalute.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano