Un medico mancato

Scritto da: -

Carlo-Verdone.jpg


"La mia non è ipocondria. È passione. Non fissazione.
Io studio la sera: leggo libri, mi documento su Internet, ascolto specialisti.
Da bambino ero affascinato dalle diagnosi del nostro dottore, un signore napoletano, Gerardo D'Agostino: ci prendeva sempre.
Non per vantarmi ma sarei stato un grande medico di famiglia. Lo sa che almeno cinque persone mi devono la vita? Le ho mandate da medici seri a calci nel sedere, intuendo che stavamo male sul serio e non c'era tempo da perdere."

Carlo Verdone, a Michele Anselmi per 'Il Riformista'

Carlo Verdone regista, sceneggiatore, attore, produttore cinematografico, scrittore, doppiatore cabarettista italiano e chi più ne ha più ne metta è diventato l'uomo simbolo di tutti gli ipocondriaci d'Italia per come ha saputo rappresentare tutti i tic e le piccole o grandi manie di chi crede di avere tutte le malattie del mondo.
Nel marzo 2007 gli è stata conferita la laurea honoris causa in Medicina dall'Università degli Studi di Napoli Federico II per questo motivo.
Lui però nega di essere ipocondriaco. Sarà, ma anche questo è un sintomo di ipocondria: negare l'unica malattia che si ha davvero!

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!