Emotività e razionalità nell’arte

Scritto da: -

AtelierAttivit%C3%A0Espressive_blog.JPG Meglio l'una o l'altra? Quale dovrebbe avere il sopravvento nella produzione artistica?

Interrogativi tosti quelli che ci propone Carla Citarella nel blog Atelier delle Attività Espressive.

È l'annosa questione che da sempre domina il mondo dell'arte nel suo complesso. Non c'è infatti movimento artistico, cultura o società che sia riuscita a evitare di porsi questi interrogativi.
Tuttavia, è soprattutto a livello individuale che queste domande si fanno più laceranti come dimostrano i tentativi di risposta che i grandi maestri hanno via via fornito nel corso dei secoli e di cui Carla ci da un assaggio nei post dedicati all'argomento (qui trovate l'idea di Braque, Le Corbusier, Niemeyer e Klee, qui quella di Matisse, Picasso, Gauguin e Leonardo da Vinci).

Spesso estreme o controcorrente le loro idee in merito a emotività e razionalità e il lavoro interiore che vi stava dietro hanno sempre finito per condizionarne pesantemente tutta l'attività artistica, ma, per quanto divergenti o in netto contrasto tra loro, non hanno impedito a ciascuno di questi grandi artisti di rivoluzionare in qualche maniera il modo di fare e concepire l'arte.
"Queste citazioni, nonché la nascita dei diversi movimenti artistici, non sono altro che il grido di ribellione alla situazione culturale storica che gli artisti vivevano e, alle aspettative da parte della società nei loro confronti, in quel momento", scrive infatti Carla. "Perché lo stato di grazia tra emotività e razionalità, è rimasto in essere solo per un breve periodo di tempo. Non a caso le opere di questi artisti, ai nostri occhi, appaiono dei capolavori".

Io credo che lo "stato di grazia tra emotività e razionalità" non duri mai più di un istante, non solo a livello di società ma di singolo artista. Penso anzi che le opere migliori nascano proprio dalla continua e sofferta ricerca di un equilibrio che non c'è e non ci può essere tra emotività e razionalità.

Ma come dicevo il tema è davvero molto tosto e le possibili risposte sono tante quante il numero di coraggiosi che avranno voglia di ragionarci un po' su. Se poi avranno anche voglia di visitare il blog di Carla e, dopo aver letto le parole dei grandi maestri, lasciare pure la loro opinione sarà tanto di guadagnato perché, per quanto giovane, Atelier delle attività espressive è molto interessante e perfettamente in linea con le tematiche che affrontiamo anche qui ad Arte e salute.

Infatti, Carla, operatore artistico e progettista, dopo aver mosso i primi passi come assistente all'infanzia per conto di alcune associazioni di volontariato, ha deciso di dedicarsi al connubio Arte e Psicologia, maturando un ricco percorso di sperimentazioni sul campo attraverso seminari e collaborazioni professionali. Attualmente collabora con il Dott. Massimo Frateschi di Bari, psicologo e psicoterapeuta, in progetti di ricerca a scopo preventivo/educativo, per l'infanzia e l'adolescenza presso alcune scuole pubbliche di Bari e quelli specifici inerenti l'Arte e la Psicologia hanno riscontrato particolare successo da parte di insegnanti, alunni e genitori.
Qui trovate ad esempio il progetto rivolto ai più piccoli "L'artista nascosto" che mira a stimolare l'espressione delle emozioni/sensazioni del bambino e a percepire il proprio stato d'animo, attraverso il gesto grafico, il colore, il contatto con la materia mentre qui un post sul Laboratorio di espressione grafico-pittorica in cui l'arte viene messa davvero al servizio della persona.

Non mi resta che dare il benvenuto alla nostra nuova amica e augurarvi una buona lettura.

In questo blog torneremo, invece, a parlare di arte, emozioni e razionalità già col prossimo post.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Arteesalute.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano