A Parla con me José Saramago porta la cartella diagnostica del nostro presente

Scritto da: -

Lo scrittore e premio Nobel per la letteratura 1998 José Saramago sarà ospite stasera della trasmissione Parla con me condotta da Serena Dandini (Rai Tre, ore 22.55) per presentare il suo libro appena pubblicato per Bollati Boringhieri.

IlQuaderno_Saramago.jpg Il Quaderno - questo il titolo del volume - raccoglie gli interventi pubblicati da Saramago sul suo blog tra il settembre 2008 e il marzo 2009, contributi fulminei e taglienti - al centro di polemiche tutte italiane - capaci di stilare una lucida, ironica e appassionata cartella diagnostica del nostro presente: dagli ultimi atti del mandato di George W. Bush alle intemperanze del nostro presidente del consiglio, dalla crisi finanziaria che ha sconvolto i mercati occidentali alle polemiche su Guantánamo, dalla libertà limitata di Roberto Saviano ai recenti bombardamenti sulla Striscia di Gaza.

E se a scandire il tempo e a dettare l'urgenza di queste cronache sono gli accadimenti del mondo, è la poesia più vera a ispirare le pagine dedicate alla notte in cui Obama ha vinto le elezioni americane, al ricordo di Fernando Pessoa o di Rosa Parks - la sarta di Montgomery, Alabama, che viaggiando in autobus si rifiutò di cedere il posto a una persona di razza bianca -, come pure l'omaggio alla città di Lisbona o l'episodio del   ritorno alla Torre di Belém della statua dell'elefante che dà il titolo al suo ultimo romanzo.

Contributi vibranti, densi di acume e fervida immaginazione, che ci rivelano un Saramago, come scrive Umberto Eco nella prefazione, «impenitentemente irritato, e tenero».

Sarà così anche alla trasmissione della Dandini?
Intanto, per dare un'idea a chi non lo conosce di quello che potremmo aspettarci riporto una citazione dello scrittore portoghese Almeida Garrett (1799-1854) che Saramago sceglie a sunto del suo lavoro:

«E io chiedo agli economisti politici, ai moralisti, se hanno già calcolato il numero di individui che è giocoforza condannare alla miseria, al lavoro eccessivo, alla demoralizzazione, all'infanzia perenne, alla più abietta ignoranza, alla disgrazia ineluttabile, alla penuria assoluta, per produrre un ricco?»

José Saramago (Azinhaga, 1922), scrittore e premio Nobel per la letteratura 1998, è autore di romanzi, cronache, raccolte di poesie e testi teatrali.

Tra i suoi romanzi più noti, tutti pubblicati per Einaudi, Memoriale del convento (1982), L'anno della morte di Ricardo Reis (1984), La zattera di pietra (1986), Il Vangelo secondo Gesù (1991), Cecità (1995), Le intermittenze della morte (2005), Il viaggio dell'elefante (2009). Gli scritti raccolti nell'ultimolibro sono apparsi sul suo blog e sono pubblicati nel Regno Unito (Verso), Francia (Le Cherche Midi), Germania (Rowolhlt), Paesi Bassi (Meulenhoff), Spagna (Alfaguara e Edicions 62), Grecia (Kostantiniotis), Portogallo (Caminho) e Turchia (Turkuvaz).

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Arteesalute.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano